Dario Coletti
1 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
2 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
3 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
4 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
5 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
6 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
7 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
8 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
9 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options

Etna

Cronache dal monte Etna - ottobre 2014
L’Etna o Mongibello è un complesso vulcanico siciliano originatosi nel Quaternario e rappresenta il vulcano attivo terrestre più alto della Placca euroasiatica. La cosa che rende affascinante il paesaggio attorno alla “muntagna” come lo chiamano i siciliani, è la sua varietà passando da querceti millenari ai paesaggi desertici della sommità cha a loro volta si trasformano in paesaggi alpini con l’avvento della stagione invernale e la sua capacità di trasformarsi continuamente a seconda del tipo di attività vulcanica. Per proteggere questa ricchezza di sfumature e varietà naturali nel 1987 è stato istituito dalla regione Sicilia Il Parco dell’Etna. Il 21 giugno 2013 la XXXVII sessione del Comitato UNESCO, riunitasi a Phnom Penh, ha inserito il Monte Etna nell’elenco dei beni costituenti il Patrimonio dell’Umanità.

Da questo punto di osservazione privilegiato si può contemporaneamente percepire l'abisso e stare di fronte a cielo e spazio. Ci si sente piccoli. Ci si sente come un micro meccanismo  di un sistema complesso e perfetto dove ogni essenza ambisce a trovare una armonia con tutto il resto. L'Etna è un viaggio al centro dell'anima, è un viaggio alla scoperta dell'origine dell'universo.

tratto da IL FOTOGRAFO E LO SCIAMANO - dialoghi da un metro all'infinito Roma 2015 - Postcart edizioni

loading