Dario Coletti
1 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
2 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
3 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
4 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
5 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
6 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
7 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
8 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
9 / 9 prev / next pause play enlarge slideshow
Options

Senza Apparente Motivo - Elegia per l’Aquila

settembre 2013
A cinque anni dal terremoto del 2009 ho prodotto in collaborazione con Confotografia a un lavoro di documentazione fotografica. Il terremoto de L’Aquila del 2009 consiste in una serie di eventi sismici, iniziati nel dicembre 2008, con epicentri nell’intera area della città. La scossa principale, verificatasi il 6 aprile 2009 alle ore 3:32, ha avuto una magnitudo momento pari a 6,3 l’evento ha causato 309 vittime, oltre 1500 feriti e oltre 10 miliardi di euro di danni stimati. Gravissimi i danni agli edifici e al patrimonio storico-artistico de L’Aquila, e comuni limitrofi . Ma che cosa è successo in questi anni che ci separano dell’evento? qualcosa è stato ricostruito, la città non è ancora tornata a vivere ma gli aquilani non si sono arresi all’idea di abitare in comode case senza personalità. C’è chi è scappato e chi è tornato, qualcuno è rientrato nella propria casa i più vivono ancora in modo non definitivo. I nuovi paesi sono strutture tecniche senza retroterra. La memoria e il dolore sono ancora vivi, non c’è rassegnazione. Nel luogo della distruzione e del dolore quale può essere il ruolo della fotografia? La risposta è che proprio la, dove i contendenti sono entità come l’uomo e il terremoto, è proprio la che si rende necessaria un’analisi attenta del conflitto, per capirne la natura e lo schieramento degli elementi in campo, elementi che la fotografia evidenzia come parti separate ma appartenenti allo stesso insieme, entità che si avvinghiano e turbinano assieme in un movimento continuo. Un ciclo dove tutto quello che accade si ripete all’infinito.


La crepa è all'interno dello stesso tessuto, una frattura che si manifesta tra l'uomo e il suo ambiente. Tra natura e natura, cioè. Solo un poeta solo un fotografo può entrare in questi ambiti e riportarli con semplicità. Piano mi allontano dall’immagine della distruzione. Non voglio che il dolore causato da essa diventi il filtro unico attraverso il quale osservare. (tratto da "IL FOTOGRAFO E LO SCIAMANO" - dialoghi da un metro all'infinito Roma 2015 - Postcart edizioni)


Acquista una copia del libro

loading